Categorie
letture critiche del tempo presente

“Quid est libertas?”

Come nasce il libro Sono convinto che tutti i libri che vogliano avere un significato debbano nascere dalla vita reale, dal proprio vissuto, dalle questioni più importanti e urgenti dell’attualità e del nostro tempo, anche quando non sono libri di poesia o di narrativa, ma si occupano di argomenti apparentemente astratti, teorici o lontani nel […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

15 OTTOBRE 2021: UNA RESISTENZA MAI NATA. LA PAROLA A UNO STORICO DEL FUTURO

Che cosa potrà scrivere di quanto è avvenuto tra il 2020 e il 2022, fra venti, trenta o cinquanta anni, uno storico che avrà conservato onestà intellettuale e non sarà stato “transumanizzato”? Proviamo a immaginarlo.  Scriverà che i governi Conte e Draghi, usando il pretesto di una “emergenza pandemica”, limitarono, compressero o cancellarono i diritti […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

L’ANALISI DEL VOTO

Il dato più rilevante di questa tornata elettorale è l’astensionismo che ha superato il 36%. Oltre un terzo dell’elettorato non vota. Siamo vicini ai 20 milioni di italiani che non si riconoscono più in alcuna forza politica. È un dato che può essere correttamente valutato nella sua portata dirompente solo se si conosce la storia […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

IL VERO RUOLO POLITICO DEL FILOSOFO

Quale è il ruolo del filosofo – e definisco filosofo, in senso lato, colui che svolge una attività di pensiero, di studio, di ricerca non legata a scopi immediatamente pratici – e quale è quindi il ruolo della filosofia nella società e nel campo della politica? Questione antichissima e oggi più che mai urgente. Da […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

VOTO O ASTENSIONE?

L’articolo riprende, con qualche integrazione e modifica, l’intervento che ho svolto alla assemblea organizzata ad Avellino il 17 agosto 2022. ========================================== È quanto mai necessaria una discussione serena e argomentata sulle ragioni del voto e sulle ragioni dell’astensione. È necessaria, non perché il 25 settembre possa rappresentare un evento decisivo, ma proprio perché non lo […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

“MERITOCRAZIA” E “PROFESSIONALIZZAZIONE” OVVERO LA DISTRUZIONE DELLA SCUOLA

Mentre il PD promette “stipendi in linea con la media europea” agli insegnanti, come se al governo e a capo del Ministero dell’Istruzione in tutti questi anni ci fossero stati gli extraterrestri e non il PD stesso o sue emanazioni, quale è invece la proposta del centro-destra per la scuola? Lega, Fratelli d’Italia e Forza […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

LA VERA CRITICA AL SISTEMA E’ LA CRITICA ALLA MEDICALIZZAZIONE DELLA SOCIETA’

Ci sono posizioni critiche verso la politica della pandemia e dell’emergenza sanitaria che sembrano fondate, sacrosante, incisive, ma che sono in realtà sterili, perché restano alla superficie, non vanno alla radice del problema. Un esempio è la frase che circola sui social, sui canali della controinformazione, rilanciata anche dalla peraltro bravissima Ilaria Bifarini: «Il Covid […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

NEMESIS E HYBRIS: ALLE RADICI DI UNA “PANDEMIA IATROGENA”

La nostra società è investita da una micidiale pandemia, ma si tratta di una «pandemia iatrogena». Iatrogeno deriva dal greco iatròs – medico – e genesis – origine. Una pandemia iatrogena è dunque quella generata dai medici e dalla medicina. Non si tratta del Covid e il giudizio non è di un nostro contemporaneo, ma […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

CHI HA VERAMENTE UCCISO BORSELLINO

Per molti anni ho cercato di capire chi ci fosse, oltre alla mafia, dietro al tritolo di via d’Amelio. Sono stato un avido lettore di libri e articoli di inchiesta, sulle stragi del 1992, come su Piazza Fontana, Piazza della Loggia, Italicus, strage di Bologna, Ustica (la strage del treno di Natale del 1984 no, […]

Categorie
letture critiche del tempo presente

Il «cambiamento climatico», ideologia dei potenti del mondo

Da tempo pare che l’ecologismo – o almeno l’ecologismo propagandato dai media – si sia trasformato in una sorta di religione penitenziale apocalittica (più esattamente, millenaristica) che ci chiama tutti ad una confessione di colpa e ad una espiazione, in vista di una catastrofe finale talora annunciata anche con precisi riferimenti cronologici (come è tipico […]